Zaira Perri Product Designer | EDITORIAL
16721
page-template-default,page,page-id-16721,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

EDITORIAL

ARTICOLO AGOSTO 2019
Fresh summer & Fresh perspective

Oh mia adorata Estate, Estatina, Estatuccia o Estataccia comunque sia Estate.
L’etimologia della parola estate ci conduce al suo significato: in Greco significa ardere e in Latino calore. Quando la Pronunciamo abbiamo subito la visione di noi stessi con le gambette biancastre distese ed esposte al sole e così scoperti andiamo alla scoperta di luoghi e buoni propositi estivi, che rinvigoriscono il nostro status psichico e fisico.

Abbiamo certamente bisogno di stimoli nuovi da maturare sotto l’ombrellone, quegli input mentali accattivanti che svelino e indichino cosa tenere del periodo appena trascorso e cosa cambiare in prospettiva della stagione che verrà. Qualche novità, non dico tanto, ma almeno qualche corretta ed utile indicazione da applicare nelle nostre vite ordinarie e ordinate, freneticamente composte e costellate di impegni e appuntamenti presi, (quasi sempre da rincorrere) scadenze ed incombenze da rispettare; delle piccole e strategiche mosse che ci conducano a correggere e migliorare il nostro modo di vivere e sopratutto la qualità del tempo che trascorriamo. ‘Godersi ogni momento dell’anno’ è l’inno dell’anno!! L’obbiettivo da raggiungere per mettere la parola FINE a quella sensazione che ogni fine anno ci resta tra le Mani: Come di aver perso tempo.

Focalizzarsi sul proprio equilibrio è costruirsi un mantra di bellezza da collocare nel proprio spazio interiore. Costruirsi ad hoc un atteggiamento mentale che doni ed irradii al meglio la nostra mente creando cosi lucentezza. Si parte da Piccole azioni quotidiane positive e perchè no .. cominciamo pure da questa ESTATE! Svegliarsi e prendere delle vitamine, bere poi un buon caffè in una bella tazza in ceramica, osservare il cielo e decidere di fare un passeggiata per raggiungere il mare. Portare con se piccoli oggetti, piccole creme, un piccolo telo intonato ai colori della spiaggia, leggere un buon romanzo scorrevole oppure un importate biografia, magari di un personaggio storico sperando che questo tipologia di lettura goda di un ritmo narrativo molto coinvolgente.

Leggere inoltre tante riviste soprattutto quotidiani e magazine internazionali in lingua inglese al fine di obbligarci a rispolverare e misurare la nostra padronanza della lingua anglofona e ne sono certa: resterete stupiti di voi stessi (in positivo si intende!)
Ascoltare della buona musica intonata all’ambiente circostante crea uno sfondo perfetto per ogni momento estivo, ascoltare per esempio della leggera per chi resta in Italia o i cantautori francesi per chi va in costa azzurra, per poi arrivare alla Bossa Nova di matrice brasiliana per chi con la mente vuole assaporare quegli standard eleganti e senza tempo gentilmente offerti da grandi maestri come Stan Getz e João Gilberto Gilberto Gil e molti altri ancora. Individuare inoltre un angolo di paradiso nel bar della spiaggia, trovando un piccolo tavolo e ordinarsi un drink con lo zenzero e del lime e nel mentre farsi coccolare dalle playlist di Spotify attentamente selezionate dal gestore del locale. Utilizzare i pomeriggi per fare yoga, per visitare luoghi storici e musei, immergersi nella dimensione delle arti decorative italiane riconoscere e stupirsi del grande patrimonio artistico. Osservare, compiacersi e dispiacersi di come in Italia siano state impiegate grandi ed eccellenti maestranze dalle sopraffine abilità e dalla straordinaria idea compositiva ed essere consapevoli che questo tipo di arti probabilmente, anzi certamente non si ripeterà mai più; e quindi restiamo fermi ad osservare meravigliati e increduli con lo sguardo perso di fronte alla facciata di una chiesa, manifesto e sintesi di bellezza e armonia.

Comprarsi una guida è sempre un’ottima idea, ma comprasi una guida di un luogo che frequentiamo da anni potrebbe rivelarsi superbo perchè vi verrano date indicazioni di posti da frequentare, cenni storici di siti da visitare e proporranno attività di svago impensabili che vi lasceranno assolutamente sorpresi.
Verso l’ora del tramonto farsi avvolgere dal suono delle onde del mare resta un momento a mio avviso magico un punto di stacco che talvolta si può confondere con l’ alba, un momento di transizione dove non si capisce se la giornata termina o sta per iniziare, curioso!! Compiendo respiri profondi e osservando il cielo restando sdraiati su un lettino posizionato lungo la battigia, una visione a tutto il campo che ha come prerogativa l’intenzione di rimanere impressa nella mente come lo sfondo dei nostri desktop. Immagine che ripristineremo durante le nostre Faticosissime riunioni e Discussioni lavorative , che ci proietteranno al di là dei nostri impegni aziendali e mansioni da free-lance. Tornare nei nostri appartamenti estivi, scegliere ottimi vini locali e prepararsi dei deliziosi piatti con la continuità di quello che viene classificato come fresh- food, composto inoltre da gustose proteine e spezie che renderà le vostre cene succulenti e benefiche accompagnate inoltre da piccoli calici in vetro che traspaiono bollicine da gustare Accuratamente senza fargli perdere la corretta temperatura. Consiglio per l’estate: un profumo da indossare al limone e mettete il sale sulle vostre insalate poco salate.

Articolo SETTEMBRE 2019
Titolo : Ricomincio (o inizio) da Settembre

Prima di rientrare in casa, prima di trovare le chiavi in borsa, prima ancora di immaginare il momento in cui tirerete su le tapparelle facendo entrare la luce nel vostro appartamento, recatevi nel negozietto di stampa più vicino a voi e fatevi stampare una delle foto piu rappresentative della vacanza appena trascorsa.Trovate poi una bella cornice e posizionatela lì , in quel posto… su quel mobile, in modo da esser ben visibile ogni giorno; non dimenticatevi mai di come siete in vacanza. Apriamo il sipario e mentre spingiamo i tendoni in velluto di un color rosso rubino eccoci, benvenuto Settembre!! Un mese davvero energico che ci illustra la riorganizzazione pianificata o abbozzata durante la pausa estiva! C’è chi cambia il colore delle pareti chi i mobili, chi aggiunge nuovi completamenti d’arredo, chi cambia vettura e chi invece si sposta verso l’elettrico includendo inoltre questi fantastici Monopattini elettrici (mezzi per cui in Italia gli enti pertinenti stanno ancora calcolando e producendo le corrette regole per la circolazione) mezzi al quale sembra sia impossibile rifiutarsi, per praticità, compatibilità per la nostra etica morale nei confronti dell’ambiente e della sua salvaguardia e perché no? Anche dei nostri portafogli. Settembre fa ancora parte di un’estate che non vuole volgere al termine ma il nostro desiderio di ricominciare in sintonia con le nostre attività è una sensazione frizzante come un vero e proprio principio d’inizio anno.

I telefoni tornano a squillare all’interno delle auto e le telefonate amplificate via Bluetooth, rimbalzano a tutto volume dentro e fuori dall’auto che fa da cassa armonica facendoci ascoltare nitidamente anche il più piccolo dettaglio delle vostre (e nostre) conversazioni. Per gli studenti è sempre stimolante l’inizio di settembre, comprare nuovi materiali, pianificarsi esami e rientri e gli universitari trasferisti aggiungono dettagli alle loro stanze o appartamenti (per quelli più fortunati)o addirittura vanno in cerca di nuove locazioni o nuovi coinquilini con il desiderio di conoscere e condividere spazio tempo e spese con nuove persone. Quelli che hanno l’ambizione di terminare entro l’anno l’università sono consapevoli che questo momento sarà ricordato come un passaggio unico, un periodo di vita speciale, per le serate trascorse in compagnia per le feste universitarie,per gli esami dati e per tutte quelle ore di studio in pigiama tra una tazza di caffè ed un pasto fuori orario e per tutte quelle cose che ti fanno sentire libero. Attraversando i corsi principali del centro città le campagne pubblicitarie con i loro manifesti fanno da scenografia; elencano programmazioni musicali, palinsesti artistici e teatrali che vanno dall’Opera classica al balletto, dall’opera contemporanea a concerti di musica classica ed elettronica e che dire…tutti eventi decisamente interessanti. E poi le sconvolgenti promozioni e offerte per ogni tipo di consumo da quello alimentare a quello funebre; il sincronismo degli addetti marketing che rispolverano i contatti presenti sul server e ne acquistano di nuovi al quale propongono abbonamenti per la palestra studiati ad hoc per le diverse esigenze fisiche, proposti con garbo zelante al fine di ricordare la necessaria attività dopo l’ozio estivo. E in tutta questa propaganda posta come necessario far bisogno quotidiano sono certa che gli abbonamenti culturali e teatrali siano un ottimo investimento,i piccoli pacchetti prova per nuove attività sportive siano un ottimo incentivo al fine di identificare lo Sport più corretto e indicato per noi.

Prima Di Confermare prima di pagare prima ancora di rinnovare gli abbonamenti riguardate quella foto appena stampata e non dimenticatevi di quello sprint emotivo che trovate lì, in quel Posto…su quel

Mobile. Buon Settembre a tutti

articolo: OTTOBRE 2019
Titolo: Magie colori e nuove transizioni

E Poi alzi lo sguardo al cielo e ad un certo punto nel tardo pomeriggio tutto si tinge di colori vivacissimi che sanciscono l’inizio della sera, offrendoci cosí una nuova transizione cromatica che vorremo non finisse mai. E così in questa magica atmosfera diventiamo magici pure noi; poetici calmi riflessivi silenziosi molto silenziosi. Un tema davvero presente di nitida lettura che ritrovo e che rimbalza continuamente tra le argomentazioni con amici e conoscenti è proprio il concetto del Silenzio; si legge tra le righe non solo come attitudine necessaria ma come mood spirituale da condividere. Il silenzio non è più quel terribile vuoto da colmare, ma è uno spazio in cui interiorizzare concetti e idee. Si organizzano persino eventi e feste in silenzio e addirittura ‘Silent Festival’ in piazza, cene a casa con amici ed incontri occasionali pianificati via chat in cui Il protagonista assoluto è il silenzio. Provateci! Organizzate una Silent Dinner!! Una cena in silenzio dove con un elegante l’illuminazione tra candele e meravigliosi tovagliati, servite deliziose portate preparare apposta per le persone che amate di più, ne rimarrete tutti entusiasti!! Magica sarà l’atmosfera, fatta di vibrazioni silenti, una sinfonia di onde energetiche che hanno la capacità di sublimare e condurci nella dimensione più introspettiva di noi stessi.

Ottobre è per me, un mese davvero molto emozionante per i suoi colori e per la sua aria fresca, prefazione della stagione che verrà. Passeggiare nel centro città mangiare qualcosa fuori in quel nuovo localino appena aperto che ci fa scoprire e riscoprire sapori antichi. È il mese in cui si pensa al Cinema e ai film Dessau (possibilmente in lingua originale) quei piacevolissimi film da vedere verso metà settimana. Gli scenari Ottobrini mi fanno pensare alle opere di Vincent Van Gogh un collegamento istintivo il mio, che per mano mi porta nella dimensione della ‘mezzastagione’ descritta vivacemente dalle sue vibranti pennellate fatte di colori vivi e luoghi magici. Il mio incontro con Vincent è stato davvero casuale. Diversi anni fa conobbi un uomo che all’inizio della nostra frequentazione per farmi una sorpresa mi portò nella cittadina di Arles senza comunicarmi la destinazione. Arrivammo di notte, parcheggiò la sua auto e scendemmo. Incuriosita ed emozionata lo presi Sottobraccio e osservandoci ridevamo in silenzio; tutto intorno a noi era avvolto da un silenzio notturno molto magico.Attraversammo una piccola piazza poi girammo a destra in una piccola via che dopo poco sfociava in un altra piccola

Piazzetta con dei bellissimi lampioni e mentre focalizzato la Prospettiva e immaginavo il suo punto di fuga… rimasi folgorata! Era un immagine che conoscevo benissimo un posto a me conosciutissimo! Sgranai gli occhi e istintivamente portai la mia mano destra davanti alla bocca e dissi occludendo il suono: Siamo nel Quadro!!! Quasi come per censurare quell’incredibile emozione. Corsi per raggiungere l’esatto punto di vista che avevo in mente per ricreare quel frame rimasto impresso nella mia mente come una cartolina,come una foto di famiglia. Raggiunto il punto esatto dei miei ricordi mi confermai che ero nel quadro, che l’immagine di fronte a me era esattamente la descrizione del quadro Cafè de Nuit di Vincent Van Gogh. Era li per me avrei voluto ringraziare Vincent; così guardai le stelle e Io mio pensiero che ha attraversato il cielo spero sia arrivato a lui.Per sempre grata per quel l’immagine che per anni è stata di fronte a me esattamente perpendicolare al mio lettino nella mia cameretta a casa dei miei genitori. Mi addormentavo e mi svegliavo con questa immagine collocata esattamente difronte a me. Solo in quel istante compresi davvero il valore infinito di Vincent , la sua precisa descrizione avvertii la sua percezione dello spazio tutta racchiusa in vigorosissime pennellate come canali comunicanti di verità. Molti sostengono che il periodo migliore per visitare la Provenza e il Camargue sia durante la fioritura della lavanda mentre io considero ottobre il miglior mese per raggiungere il versante francese che mostra al meglio le sue zone complete di tradizioni occitane, corse Camarguesi e abiti tradizionali; le Vostre foto scattate con i cellulari prenderanno una forma assolutamente professionale grazie al contesto e alle luci naturali che renderanno ogni immagine assolutamente straordinaria. Ad Ottobre consiglio vini caldi e avvolgenti e i primi maglioncini con ‘due fili di cachemire’

Buonissimo Ottobre